Comunicato Stampa FAND: “Sdegno e stupore per il premio ai medici INPS che negheranno malattia ed invalidità”

“Apprendiamo con sdegno e stupore – dichiara Franco Bettoni, Presidente della FAND (la Federazione delle Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità) – la notizia, pubblicata dal Fatto quotidiano di ieri 9 ottobre 2018, che il Presidente dell’INPS Tito Boeri, nel marzo 2018, ha firmato una delibera – rimasta fino ad ora nell’ombra – che introduce, per la prima volta da quest’anno, le prestazioni per malattia negate ed invalidità revocate tra i criteri di valutazione utili alla retribuzione di risultato dei medici”.

 

“In base a quanto deliberato, dunque, – sottolinea Bettoni – si arriverà ad un risultato aberrante ossia che più il medico negherà prestazioni e più sarà pagato, creando dunque un evidente conflitto tra il diritto del cittadino a vedere riconosciuta la sua condizione di malattia o invalidità ed il pur legittimo incentivo del medico ad ottenere una retribuzione di risultato, che tuttavia non può fondarsi su detti criteri di valutazione”. “Sarebbe piuttosto più giusto – aggiunge il presidente della FAND – ancorare la retribuzione di risultato al numero di visite effettuate, considerata la lungaggine dei tempi necessari, ad oggi, per fare una visita di accertamento”

 

“Contestiamo fermamente la decisione dell’INPS e ne chiediamo la revoca – conclude il Presidente della FAND – anche perché siamo certi che presterebbe il fianco ad una serie di contenziosi presumibilmente molto onerosi per le casse dello Stato”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.