Poter votare è un diritto di tutti >>

Domenica 10 Giugno a Modica si è votato per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale, ma non sempre le persone disabili hanno la possibilità di poter esercitare questo sacrosanto diritto sancito anche dalla Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità. Lo dicono i ragazzi dell’ANFASS di Modica (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) a cui è capitato che Presidenti di Seggio molto probabilmente poco informati non consentissero loro di poter votare. In vista di quest’importante appuntamento i ragazzi si sono preparati molto per poter capire come si vota e decidere chi votare. Affermano in una nota di non volere che si ripetano gli episodi del passato in cui si sono sentiti discriminati Anche i ragazzi con grave disabilità hanno diritto di votare perché sono in grado di fare tutto quello che vogliono se studiano e prendono informazioni. Chiedono che in tutti i seggi anche alle persone con disabilità venga consentito di votare senza alcuna discriminazione. Gli operatori dell’ANFASS di Modica hanno seguito i ragazzi in questo percorso di cittadinanza attiva fornendo loro competenze su diritti che loro stessi non sapevano di avere e a cui molte volte rinunciano perché non vengono messi nelle condizioni di esercitarlo in maniera consapevole. Non sono permessi aiuti e facilitazioni come ad esempio il voto assistito per le persone con disabilità sensoriali e le indicazioni e i programmi sono espressi in un linguaggio di difficile comprensione e non semplice e immediato. Gli operatori si uniscono alle richieste dei ragazzi perché nel prossimo futuro i loro sforzi e il loro impegno siano riconosciuti ed abbiano anche loro la possibilità di esprimere la propria opinione su questioni che comunque riguardano anche loro.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.